Translate

martedì 28 marzo 2017

CHIOSTRO DI FALSITA'



Avvolgenze

di casuali sguardi

nelle melenserie del giorno

estese a motivi di scenari interiori

Inclinazioni

e degrado del pensiero

sono plagiati

da uno stereotipato apparire

in quel chiostro di falsità

ove si digitano numeri

@Silvia De Angelis

6 commenti:

  1. Rosa Santinelli stupendo quadro della societa' odierna orientata verso una superficialita' dilagante... apparire , essere famosi e poi sparire senza lasciare traccia, bravissima, bello il finale suggestivo, ciao grazie buona serata baci:)

    Silvia De Angelis Grazie amica mia

    Renato Fedi bravissima

    Luisa Alessandri Chi vuole apparire per mostrare di sé la sua supponenza e quella superficialità che non vale nulla, si sentono grandi e pieni di boria, ma si fanno anche riconoscere, eccome. Questo dilagare di persone così, meglio evitarle, tra l'altro soggetti del genere piano piano finiscono di sparire! Bravissima come sempre cara Silvia. :)

    Pino Tota da sempre con l'umanità....uno strato di vernice maleodorante che molti si portano appresso...

    Agnese Giallongo Sempre bravissima a scrivere liriche stupende Silvia buona serata ❤

    Maria Rosa Cugudda Un poetare sempre di alto livello, sia per stile sia per tematiche! un caro abbraccio.

    Grazia Denaro Melenserie che non toccano il profondo ma scivolano in superfice avvolte da una patina di superficialità volta più all'apparire che all'essere del vero sentire. Versi magnifici e svolazzanti attorno alle parole, molto apprezzati. Un abbraccio poetessa!

    Arnalda Torchiana Carissima amica è una grande gioia leggerti... come sempre le tue poesie sono meravigliose complimenti

    Silvia De Angelis Grazie a tutti, felice giorno

    RispondiElimina
  2. Parole sante. Ottimo poema sembrerebbe attuale complimenti Silvia
    Maurizio

    RispondiElimina
  3. Complimenti, sempre accattivanti i tuoi versi.
    Buona serata, e un sorriso Stefania

    RispondiElimina
  4. E' bellissimo leggerti, ogni tua poesia è meravigliosa!
    Un abbraccio da Beatris

    RispondiElimina
  5. Delizioso cara Silvia, complimenti. Ciao e buon fine settimana, un abbraccio Angelo.

    RispondiElimina
  6. Non so perché ma quel chiostro di falsità ove si digitano i numeri nella parte finale mi ha fatto avere una visione del tutto particolare e precisamente quei numeri sono balzati davanti come gli innumerevoli nomi che si vedono nei cimiteri lungo i muri – i famosi posti distinti – chi si nutre di falsità, forse non si rende conto di dove tutti insieme andremo a finire e lì non ci saranno certo distinzioni.

    RispondiElimina